Home   Staff   Attività Scientifica   Didattica   Biblioteca   Museo

STAFF

Laura Ottini

Curriculum vitae et studiorum

Indirizzo di lavoro
Dipartimento di Medicina Sperimentale
Università"La Sapienza"
Viale Regina Elena 324, 00161, Roma
Tel. 06-49973009 - 06-4451721; Fax 06-4454820

 

Attività di ricerca e pubblicazioni

1990
Come Exchange Summer Student presso la Diabetes Branch dei National Institutes of Health (NIH) ha collaborato all'identificazione di una mutazione nel dominio tirosin-chinasico del recettore dell'insulina ed alla caratterizzazione funzionale del recettore mutato. Con questi studi ha collaborato alla pubblicazione dei seguenti articoli:
Cama A., Sierra M.L., Ottini L., et al. A mutation in the tyrosine kinase domain of the insulin receptor causing insulin resistance in an obese woman. Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, 73:894-9, 1991. (I.F.5.805)
Cama A., Sierra M.L., Quon N.J., Ottini L., et al. Substitution of Glutamic Acid for Alanine 1135 in the putative "Catalytic Loop" of the Tyrosine Kinase Domain of the human insulin receptor. Journal of Biological Chemistry, 268-11: 8060-8069, 1993. (I.F. 7.666)

1990-91
Si è occupata dell'analisi molecolare di sequenze retrovirali in patologie neurologiche a carattere spastico per la preparazione della tesi di laurea sperimentale: "Analisi Molecolare di Sequenze Provirali della Famiglia HTLV in Mielopatie Croniche".

1992-93
Durante il periodo trascorso presso lo European Molecular Biology Laboratory (EMBL), Heidelberg, Germania, nel gruppo del Prof. L. Philipson, sotto la supervisione del Dr. V. Sorrentino, ha contribuito all'identificazione ed al clonaggio di una nuova isoforma di Ryanodine Receptor, appartenente ad una famiglia di canali intracellulari deputati al rilascio del calcio. Risultati di questi studi sono stati oggetto della seguente pubblicazione scientifica:
Ottini L. et al. a and b isoforms of ryanodine receptor from chicken skeletal muscle are the homologues of mammalian Ryr1 and RyR3. Biochemical Journal 315: 207-216, 1996. (I.F. 4.349)

1994-96
Presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale e Patologia dell?Università "La Sapienza" di Roma, ha studiato il ruolo dell'instabilità dei microsatelliti in tumori solidi umani, applicando le relative metodologie sia a casi di patologia umana attuale che di resti fossili.
Risultati di questi studi sono stati oggetto di pubblicazioni tra cui:
Ottini L., et al Alterations of microsatellites in neurofibromas of von Recklinghausen's disease. Cancer Research 55: 5677-5680, 1995. (I.F. 8.614)
Carlesimo M., Giustini S., Richetta A., Ottini L., et al. Integrin ?4 expression in peripheral nerve tumours. Oncology Reports 2: 997-1000, 1995. (I.F. 0.659)
Contegiacomo A., Alimandi M., Pizzi C., Ottini L., et al High cell kinetics are associated with amplification of the int-2, bcl-1, myc, and erbB-2 proto-oncogenes, and loss of heterozygosity at the DF3 locus in primary breast cancers. International Journal of Cancer, 61:1-6, 1995. (I.F. 3.545)
Mariani-Costantini R., Ottini L., Capasso L. On a pathological fossil bovid phalanx from the late middle pleistocene Aurelia formation, near Rome. Journal of Paleopathology 8 (3):169-176, 1996
Richetta A., Ottini L., et al Microsatellite instability in primary and metastatic melanoma. Journal of Investigative Dermatology 109(1): 119-120, 1997. (I.F. 4.903)
De Marchis L., Contegiacomo A., D?Amico C., Palmirotta R., Pizzi C., Ottini L., Microsatellite instability is correlated with lymph-node positive breast cancer. Clinical Cancer Research 3, 241-248, 1997. (I.F. 3.442)
Richetta A., Ottini L., et al Microsatellite instability in primary and metastatic melanoma. Journal of Investigative Dermatology 109(1): 119-120, 1997. (I.F. 4.903)
Lazzereschi D., Palmirotta R., Ranieri A., Ottini L., et al Microsatellite instability in thyroid tumours is associated with follicular histotype and late clinical stage, but not with mononucleotide repeats within the TGFá type II and IGFII receptors genes. British Journal of Cancer 79: 340-345, 1999. (I.F. 3.282)

1997-2005

E' impegnata nei seguenti progetti di ricerca:

1) Patologia molecolare applicata all'Oncologia
Epidemiologia molecolare del cancro gastrico in una popolazione ad alto rischio dell?Italia centrale.
Caratterizzazione della mutazioni, delle funzioni ed delle interazioni sub-cellulari dei geni BRCA1 e BRCA2 nel carcinoma mammario femminile e maschile.

Nell'ambito di questi progetti di ricerca sono state prodotte le seguenti pubblicazioni scientifiche:
Ottini L., et al Microsatellite instability in gastric cancer is associated with tumor location and family history in a high risk population from Tuscany. Cancer Research 57: 4523-4529, 1997. (I.F. 8.614)

Ottini L., et al Mutations at coding homonucleotide repeats in gastric cancer with the microsatellite mutator phenotype. Oncogene 16: 2767-72, 1998. (I.F. 6.517)

Ottini L., et al A novel deletion at codon 1254 of the BRCA1 Gene in an Italian breast cancer kindred. Human Mutation Supplement 1, S237-S239, 1998. (I.F. 2.642)

Ottini L., et al BRCA1 and BRCA2 gene mutations in breast/ovarian cancer patients from Central and Southern Italy. Disease Markers 15: 96, 1999. (I.F. 0.524)

Ottini L., et al BRCA1 and BRCA2 mutations in central and southern Italian patients Breast Cancer Research 2: 307, 2000

Ottini L., et al Instability at dinucleotide and trinucleotide repeats in breast cancer. International Journal of Oncology 17(4): 819-826,2000. (I.F. 1.381)

Ottini L., et al Gastric cancer with mutator phenotype: mlecular bases and mechanisms of progression. Digestive and Liver Disease 32 (Suppl), 2000

Palli D, Russo A, Ottini L, Masala G, Saieva C, Amorosi A, Cama A, D'Amico C, Falchetti M, Palmirotta R, Decarli A, Costantini RM, Fraumeni JF Jr. Red meat, family history, and increased risk of gastric cancer with microsatellite instability. Cancer Res. 2001 Jul 15;61(14):5415-9. (IF 8.649)

Richetta A, Ottini L, Falchetti M, Innocenzi D, Bottoni U, Faiola R, Mariani-Costantini R, Calvieri S Instability at sequence repeats in melanocytic tumours. Melanoma Res. 2001 Jun;11(3):283-9. (IF ÿ2.190)

Giannini G, Ristori E, Cerignoli F, Rinaldi C, Zani M, Viel A, Ottini L, Crescenzi M, Martinotti S, Bignami M, Frati L, Screpanti I, Gulino A. Human MRE11 is inactivated in mismatch repair-deficient cancers. EMBO Rep. 2002 Mar;3(3):248-54. Epub 2002 Feb 15. (IF ÿ7.390)

Lotti LV, Ottini L, D'Amico C, Gradini R, Cama A, Belleudi F, Frati L, Torrisi MR, Mariani-Costantini R Subcellular localization of the BRCA1 gene product in mitotic cells. Genes Chromosomes Cancer. 2002 Nov;35(3):193-203. (IF ÿ4.192)

Ottini L, Masala G, D'Amico C, Mancini B, Saieva C, Aceto G, Gestri D, Vezzosi V, Falchetti M, De Marco M, Paglierani M, Cama A, Bianchi S, Mariani-Costantini R, Palli D. BRCA1 and BRCA2 mutation status and tumor characteristics in male breast cancer: a population-based study in Italy. Cancer Res. 2003 Jan 15;63(2):342-7. (IF 8.649)

Rocco A, Staibano S, Ottini L, Mezza E, Somma P, Mariani-Costantini R, Budillon G, Nardone G. Is there a link between environmental factors and a genetic predisposition to cancer? A lesson from a familial cluster of gastric cancers. Eur J Cancer. 2003 Jul;39(11):1619-24. (IF 3.694)

Aretini P, D'Andrea E, Pasini B, Viel A, Costantini RM, Cortesi L, Ricevuto E, Agata S, Bisegna R, Boiocchi M, Caligo MA, Chieco-Bianchi L, Cipollini G, Crucianelli R, D'Amico C, Federico M, Ghimenti C, De Giacomi C, De Nicolo A, Della Puppa L, Ferrari S, Ficorella C, Iandolo D, Manoukian S, Marchetti P, Marroni F, Menin C, Montagna M, Ottini L, Pensotti V, Pierotti M, Radice P, Santarosa M, Silingardi V, Turchetti D, Bevilacqua G, Presciuttini S. Different expressivity of BRCA1 and BRCA2: analysis of 179 Italian pedigrees with identified mutation. Breast Cancer Res Treat. 2003 Sep;81(1):71-9. (IF 2.932)

Migliavacca M, Ottini L, Bazan V, Agnese V, Corsale S, Macaluso M, Lupi R, Dardanoni G, Valerio MR, Pantuso G, Di Fede G, Tomasino RM, Gebbia N, Mariani-Costantini R, Russo A. TP53 in gastric cancer: mutations in the l3 loop and LSH motif DNA-binding domains of TP53 predict poor outcome. J Cell Physiol. 2004 Sep;200(3):476-85. (IF ÿ5.463)

Ottini L, Falchetti M, Saieva C, De Marco M, Masala G, Zanna I, Paglierani M, Giannini G, Gulino A, Nesi G, Mariani Costantini R, Palli D. MRE11 expression is impaired in gastric cancer with microsatellite instability. Carcinogenesis. 2004 Aug 19; (IF 4.663)

Palli D, Masala G, Mariani-Costantini R, Zanna I, Saieva C, Sera F, Decarli A, Ottini L. A gene-environment interaction between occupation and BRCA1/BRCA2 mutations in male breast cancer? Eur J Cancer. 2004 Nov;40(16):2474-9. (IF 3.694)

2) Patologia Molecolare applicata alla Paleopatologia
Tafonomia dei resti ossei umani fossilizzati provenienti dal sito acheuleano di Castel di Guido, presso Roma (Pleistocene Medio).
Studio paleopatologico dei reperti scheletrici provenienti da necropoli di età repubblicana ed imperiale recentemente scavate nel territorio di Roma (in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica di Roma).
Caratterizzazione paleogenetica di resti biologici antichi da necropoli di età Repubblicana ed Imperiale (in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica di Roma).
Analisi molecolare di neoplasie identificate in resti umani mummificati.

Questi studi sono state oggetto di pubblicazioni tra cui:
Mariani-Costantini R., Ottini L., Capasso L. On a pathological fossil bovid phalanx from the late Middle Pleistocene Aurelia formation, near Rome. Journal of Paleopathology 8 (3):169-176, 1996.

Mariani-Costantini R., di Tota G., Catalano P., Ottini L., et al. Cranial trepanation in Graeco-Roman medicine. Journal of Paleopathology 11 (1):169-176, 1999

Catalano P., Capasso L., Ottini L., et al The evidence of cranial surgery from the necropolis of Fidene and its relevance for the history of classical medicine. In Heinzelmann H. et al.: "Culto dei morti e costumi funerari romani. Roma, Italia settentrionale e province nord-occidentali", Palilia 8, edito da Istituto Archeologico Germanico, Roma, 2000

Mariani-Costantini R., Ottini L., et al Taphonomy of the fossil hominid bones from the Acheulean site of Castel di Guido near Rome, Italy. Journal of Human Evolution 41(3): 211-25, 2001 (I.F.2.249)

Ottini L., et al Le fonti oggettive per un museo di Storia della Medicina: la paleopatologia. Medicina nei Secoli 12: 317-328, 2001

Ottini L., et al probable case of proportionate dwarfism from imperial Rome. Journal of Paleopathology, vol 4, 2001

Ottini L., et al A pathological calcification from Imperial Rome. Journal of Paleopathology, vol 4, 2001

Ottini L., et al Paleopathological indicators of skeletal stress in necropolises of Imperial age from the territory of Rome. Journal of Paleopathology, vol 4, 2001

Verginelli F., Palmirotta R., Destro-Bisol G., Ottini L., et al Genetic studies on the Grotta Rossa mummy. Rivista di Antropologia vol XX: 1-5, 2001

Ottini L., et al A subject with abnormally short stature from Imperial Rome J Endocrinol Invest, 24(7): 546-8, 2001 (I.F.0.957)

Gazzaniga V., Ottini L. The discovery of platelets and their function. Vesalius, Acta Internationales, Historiae Medicinae, VII, 1, 1-5, 2001.

Ottini L, Mariani-Costantini R, Costantini AM. Malnutrition in XIXth century Naples Med Secoli. 2001;13(1):93-114

Ottini L., et al Evidence of a forearm fracture in a young victim of the AD 79 Vesuvius eruption. Journal of Paleopathology, vol 13 (3) 23-26, 2001

Catalano P., Pantano W.B., Ottini L Parco della tombe della Via Latina. Nota Antropologica. Contributo per ?Archeologia e Giubileo. Gli interventi a Roma e nel Lazio nel Piano per il Grande Giubileo del 2000? a cura del Ministero dei Beni ed Attivit… Culturali Soprintendenza Archeologica di Roma. Electa Napoli, Vol 1 pg 298, 2001.

Ottini L., et al Indicatori paleopatologici e ricostruzione delle condizioni di vita nella popolazione di et… imperiale da necropoli nel territorio di Roma. R”mische-Mitteilungen, 2002

Catalano P., Verginelli F., Coia V., Destro-Bisol G., Nanni A., Ottini L., et al L'Ipogeo di Trebio Giusto: un'indagine antropologica dallo scavo alla ricerca paleogenetica. R”mische-Mitteilungen, 2002

Angeletti LR, Ottini L. epidemie catastrofiche nella Roma antica: evidenze tratte dalle fonti letterarie e paleopatlogiche. La medicina greco-romana. Felici Editore. 2002

Verginelli F, Ottini L, Esposito D, Cama A, Battista P, Ciranni R, Zavaglia K, Mariani-Constantini R, Fornaciari G. Ancient DNA studies: from paleopathology to population genetics Med Secoli. 2002;14(2):587-607.

Ottini L, Angeletti LR, Pantano WB, Falchetti M, Minozzi S, Fortini P, Catalano P, Mariani-Costantini R. Possible human sacrifice at the origins of Rome: novel skeletal evidences Medicina nei Secoli, Vol.15-No 3,p459-468, 2003

 

Linee di ricerca

1. Patologia Molecolare applicata all'Oncologia

L'attività scientifica della Prof.ssa Ottini nel campo della Patologia Molecolare è stata rivolta principalmente allo studio dell'epidemiologia molecolare del cancro, con particolare riferimento al carcinoma mammario a carattere familiare ed al carcinoma gastrico in popolazioni ad alto rischio. In questi settori, la Prof.ssa Ottini ha partecipato attivamente a progetti di ricerca a livello nazionale, finanziati da agenzie pubbliche e private, quali MURST ed AIRC. La Prof.ssa Ottini si è occupata in modo particolare delle caratteristiche genetiche e dei meccanismi molecolari di progressione dei tumori gastrointestinali con fenotipo mutatore, caratterizzati da instabilità a livello di sequenze ripetitive semplici. Nel campo del tumore della mammella, la Prof.ssa Ottini ha sviluppato particolari competenze nello studio genetico-molecolare e biologico del cancro mammario ereditario dipendente da mutazioni dei geni BRCA. Dal 2003 è responsabile del progetto di ricerca: " Molecular epidemiology of male breast cancer: interactions between envirnmental and genetic factors" finanziato da AIRC (Associazione Italiana Ricerca contro il Cancro), presso il Dipartimento di Medicina sperimentale e Patologia, Università "La Sapienza" di Roma.

2. Patologia Molecolare applicata alla Paleopatologia

L'attività scientifica della Prof.ssa Laura Ottini nel campo della Paleopatologia ‚ stata rivolta ad applicare metodiche d'indagine moderne, acquisite nel corso degli studi patologico-molecolari, allo studio di resti scheletrici umani antichi e di resti fossili, allo scopo di ottenere informazioni utili a ricostruire la storia delle malattie e ad interpretarne l'impatto sulle condizioni di vita delle popolazioni antiche, con particolare riferimento a quelle di età romano-imperiale. I contributi di studio della Prof.ssa Ottini riguardano sia il settore della paleopatologia morfologica classica, sia il settore innovativo della paleopatologia molecolare, volta ad ottenere dati genetici diretti da resti biologici antichi.
La paleopatologia è una disciplina che studia le malattie delle popolazioni del passato, riferendo i quadri patologici a specifici contesti ambientali, antropologici, archeologici e storico-culturali. La ricerca paleopatologica si basa sull'analisi delle fonti dirette, rappresentate principalmente da resti umani antichi, scheletrici o mummificati. Le tecnologie biochimiche, biofisiche e molecolari che oggi contribuiscono allo sviluppo della medicina moderna aprono nuove prospettive anche per lo studio delle patologie nel passato. I progressi delle conoscenze sui meccanismi molecolari alla base delle malattie ed il miglioramento delle tecniche d'indagine hanno aperto nuove prospettive di sviluppo per la paleopatologia ed hanno permesso la nascita di una nuova disciplina: la paleopatolgia molecolare. La paleopatologia molecolare rappresenta un nuovo settore di indagine paleopatologica volto alla identificazione e caratterizzazione molecolare delle patologie osservate in reperti umani antichi. Lo sviluppo delle tecnologie molecolari avvenuto negli ultimi decenni ha consentito di studiare l'informazione genetica contenuta anche in minime tracce di DNA, molecola che, in determinate condizioni, può persistere in resti biologici antichi, quali ossa o tessuti mummificati. Attraverso indagini di paleopatologia molecolare la presenza di malattie infettive, malattie ereditarie e neoplasie può essere indagata a livello di DNA di resti umani antichi.
Oltre alle metodologie biomolecolari, la Prof.ssa Ottini ha particolare competenza nell'analisi morfologica di reperti umani antichi tramite microscopia a scansione associata ad analisi microelementare mediante sonda elettronica. Queste metodologie sono state applicate sopratutto allo studio tafonomico di ossa di ominidi fossili del Pleistocene Medio.

 

 

 

Sezione e Museo di Storia della Medicina
Dipartimento di Medicina Sperimentale e Patologia
Università degli Studi di Roma «La Sapienza»
Viale dell'Università, 34a  00185 Roma
tel.e fax +39 06 4451721